LA VIA DEL CARMELO

"Su, coraggio, alzati: non stagnare in una pietÓ superficiale o in un debole impegno virtuoso. Affrontate decisamente le avversitÓ della notte, salite il sentiero aspro del nulla per attingere l’incandescenza dell’Amore. Sul monte, al di lÓ del nulla-non-Dio c’Ŕ godibile per te il Tutto-Dio". (Giovanni della Croce)

leggi prima questa lettera in cui il Maestro Gabriele Mandel ricorda Giovanni della Croce - Apri -

 

 

aa1.jpg (18954 byte)

La via del niente del Carmelo di Giovanni della Croce (m.1591 in andalusia) si ispira palesemente al sufismo. Asin Palicios individua in Abu Abndallah ibn Abbad (m.1389) la sua fonte per l'identica terminologia. Del resto il santo cristiano visse e studi˛ in una Spagna che nei sette secoli precedenti era islamica .
Il sufismo Ŕ la Via e la Meta. E' la Via dell'Annientamento in Dio (al-fanÓ) . E' distrazione  la via senza sbocco delle soddisfazioni terrene: il potere, la fama, la ricchezza, l'onore, la comoditÓ... come Ŕ distrazione quella spirituale, per guadagnarsi il paradiso, con le stesse soddisfazioni "girate" spiritualmente.

aa3.jpg (14936 byte)

aa5.jpg (10311 byte)

Il monte Carmelo in Galilea Ŕ associato alle gesta del profeta Elia. Su questo monte nel 1200 si riunirono degli eremiti cristiani sullo stile di alcuni ordini sufi in cui gli adepti vivevano certi periodi in ritiro (halveti) di meditazione (fikr) e preghiera o  ricordo di Dio (zikr).

Giovanni della Croce riform˛ non senza contrasti che lo portarono in prigione, l'ordine dei carmelitani. Suo obbiettivo era riportare la regola al suo fervore originale come Teresa d'Avila fece per l'ordine femminile. La via dell'amore e dell'unione intima con Dio.

aa8.jpg (12848 byte)

carm12x.jpg (7915 byte)

Al di lÓ degli eccessi che sono sempre negativi, il primo passo Ŕ la liberazione dalle passioni terrene e dalle illusioni spiritualistiche: La conoscenza dell'ego, del corpo, del principio del piacere (il nafs) permette la convivenza terrena con una sostanza contingente senza esserne ostacolati.
l'energia Ŕ dunque libera di esprimersi e l'io di pulire lo specchio dell'anima per riflettere  l'unica realta. Il niente Ŕ il tutto. La simmetricitÓ del molteplice Ŕ colta sempre nel suo principio unitario dove ogni frammento lo rivela . Esso stesso Ŕ il tutto: "Ovunque volgo lo sguardo lÓ vedo Dio..."

aa4.jpg (15619 byte)

disegni elaborati elettronicamente di n.venturi

2bottone.gif (521 byte)