striscia1.jpg (6992 byte)

librox5.jpg (17405 byte)

Antonio J. Vallejo-Nagera

Pazzi e celebri - psicopatologia del potere- Rizzoli 1983

 

L'autore dimostra di essere oltre un buon psichiatra anche un valido scrittore. Diverse figure "celebri" nell'arte e nella politica vengono esaminate senza pregiudizi, con rigore e nel rispetto della loro umanità. Ma non sempre. Qualche dubbio sui "dati" di cui si è servito per inquadrare Van Gogh dove invece l'autore pare prevenuto e frettoloso compiendo un'anamnesi alla fine errata. Altra lacuna la poca importanza data al fattore collettivo nell'analisi di Hitler, fattore capace di trasformare la mediocrità  in qualcosa di eccezionale, inoltre l'esagerata prudenza dell'anamnesi finisce per nascondere le complicanze sociopatiche del personaggio.   (N.V)

 

striscia1.jpg (6992 byte)