striscia1.jpg (6992 byte)

JUNG7.jpg (6270 byte)

Gustav Jung

Bene e Male nella Psicologia analitica -Boringhieri 1993

 

striscia1.jpg (6992 byte)

Parlare di bene e di male a livello intellettuale Ŕ vano, passatempo filosofico. Solo conoscendo noi stessi e vivendo il confronto con le nostre negativitÓ e possibile sviluppare una consapevolezza etica, altrimenti il bene ed il male rimangono codici esterni, genitoriali a cui ubbidire o disubbidire, temere o infrangere in una infantile lotta (tanto pi¨ che questi codici possono cambiare secondo le epoche ed i luoghi: dove un atto Ŕ meritevole da una parte Ŕ vergognoso dall'altra).Quindi in pace con la coscienza non si deve stare "all'esterno" ma all'interno valutando una realtÓ interiore che riconosce le sue ombre, le accetta e modifica per una adulta assunzionei r dsponsabilitÓ. Il bene finirÓ per coincidere con quello degli altri. (N.V.)

striscia1.jpg (6992 byte)